venerdì 02 dicembre | 21:05
pubblicato il 14/lug/2012 15:04

Palermo, colonna di fumo altissima dal Monte Cuccio in fiamme

Incendio alimentato dal forte vento di scirocco

Palermo, colonna di fumo altissima dal Monte Cuccio in fiamme

Palermo, 14 lug. (askanews) - Un muro di fumo si è alzato dal Monte Cuccio, la vetta più alta che sovrasta Palermo. Sulle pendici della montagna alta più di 1000 metri si è sviluppato un vasto incendio. Le fiamme sono andata avanti per ore impegnando decine i vigili del fuoco su più fronti, da Borgo Nuovo a Baida e San Martino delle Scale, con l'aiuto anche degli elicotteri e dei Canadair. Il lavoro è stato reso particolarmente difficile dal forte vento di scirocco che da giorni soffia sulla città e che ha continuato ad alimentare le fiamme per ore da cui si è alzata una colonna di fumo altissima, visibile da ogni punto della città. In nessun caso c'è stato bisogno di allontanare i residenti dalle abitazioni.Oltre a quello di Monte Cuccio, altri incendi si sono registrati in tutta la provincia di Palermo, vicino Bagheria, a Castronovo di Sicilia e a Monreale.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari