domenica 19 febbraio | 13:51
pubblicato il 05/nov/2012 09:33

Palermo, beni per 12 milioni sequestrati a cosca Villabate

Oggetto del provvedimento anche tre cavalli da corsa

Palermo, beni per 12 milioni sequestrati a cosca Villabate

Palermo, (askanews) - Beni per circa 12 milioni di euro, tra cui società, agenzie di scommesse, conti correnti, immobili, appezzamenti di terreno, bar e alimentari, e persino tre cavalli da corsa sono stati sequestrati alla mafia dai carabinieri di Palermo su ordine del Tribunale. Il provvedimento è stato emesso nei confronti di tre esponenti della cosca di Villabate: Giovanni D'Agati, e i fratelli Maurizio e Davide Di Peri.Il patrimonio sequestrato sarebbe stato accumulato illecitamente sia attraverso la riscossione del pizzo che attraverso il riciclaggio. D'Agati, in particolare, avrebbe gestito il lucroso giro di racket, mentre i fratelli Di Peri sarebbero stati i reali titolari di due agenzie di scommesse ufficialmente intestate a due prestanome. Il provvedimento nasce dall'operazione 'Senza Frontiere', che nel giugno del 2009 portò all'arresto di 12 persone accusate d'aver vegliato sulla latitanza dell'ex numero uno di Cosa nostra Bernardo Provenzano.

Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia