mercoledì 22 febbraio | 08:06
pubblicato il 19/dic/2011 18:42

Palermo, acqua alla candeggina a scuola: finisce in ospedale

Studentessa di 16 anni ricoverata, bibita presa alla macchinetta

Palermo, acqua alla candeggina a scuola: finisce in ospedale

Palermo, (askanews) - Beve l'acqua comprata nei distributori automatici della scuola, e finisce in ospedale: è successo a Palermo, a una studentessa di 16 anni del liceo Scientifico "Galileo Galilei". La ragazza si è sentita male dopo aver bevuto dell'acqua contaminata con un agente tossico, probabilmente candeggina, nella sede distaccata dell'istituto.La ragazza al primo sorso ha avvertito un sapore simile a quello della candeggina e ha chiesto aiuto: subito accompagnata al Pronto Soccorso dell'ospedale Cervello, dove è ricoverata in osservazione, ma le sue condizioni non destano preoccupazione. La bottiglia d'acqua minerale, che presenta un foro, è stata sequestrata dai carabinieri, insieme a quelle del distributore automatico, per analizzarne il contenuto e verificare che non ci siano altri prodotti contaminati. Sulla vicenda la Procura ha aperto un'inchiesta.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia