domenica 04 dicembre | 04:57
pubblicato il 13/feb/2012 19:01

Palermo, accordo Procura-Ateneo per formare i futuri magistrati

Tirocini per studenti specializzandi in professioni legali

Palermo, accordo Procura-Ateneo per formare i futuri magistrati

Palermo, (askanews) - Tirocini teorici e pratici che permettano di capire da vicino il lavoro dei magistrati. E' questo l'obiettivo dell'accordo siglato tra l'Università e la procura di Palermo per gli studenti della Scuola di specializzazione per le professioni legali "Gioacchino Scaduto" dell'ateneo. L'intesa prevede l'istituzione di tirocini per i giovani al II anno della Scuola. Il rettore dell'Università di Palermo, Roberto Lagalla, spiega le finalità dell'iniziativa."Implementa le opportunità di esperienza on site degli studenti e in qualche modo contribuisce a conferire opportunità e modalità di apprendimento nuovi per i nostri studenti".Alla firma della convenzione anche il procuratore capo di Palermo, Francesco Messineo."Noi saremo in grado di offrire agli studenti che si formeranno a contatto con i magistrati un panorama della giustizia italiana e la possibilità di porre in relazione le loro cognizioni teoriche con l'esperienza pratica".Gli specializzandi, individuati sulla base di criteri oggettivi concordati tra la Scuola e la Procura, saranno affidati a dei magistrati che hanno dato la propria disponibilità a seguire il progetto.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari