giovedì 23 febbraio | 17:27
pubblicato il 15/giu/2011 15:48

Palermo, 30 compattatori restano fermi in piena emergenza rifiuti

Camion nuovi inutilizzabili per un cavillo burocratico

Palermo, 30 compattatori restano fermi in piena emergenza rifiuti

Una trentina di camion della spazzatura nuovi di zecca fermi da un mese, mentre Palermo è in piena emergenza rifiuti. E' il paradosso che vive la città siciliana che per un cortocircuito burocratico deve fare a meno degli autocompattatori nuovi: il Comune e l'Amia non riescono a sottoscrivere un contratto di usufrutto che consentirebbe all'azienda di servizi comunali di utilizzare i camion. Il tutto è reso ancora più difficile dal fatto che l'Amia è sotto commissariamento. La denuncia, a un mese dalla consegna dei nuovi mezzi, acquistati con una gara e costati nove milioni di euro, arriva dai sindacati. Con il paradosso che mentre gli operai dell'Amia continuano a salire su mezzi vetusti e arrugginiti, i trenta nuovi autocompattatori restano fermi. E in città, oltre ai rifiuti, tornano anche i roghi

Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech