sabato 03 dicembre | 19:27
pubblicato il 27/giu/2011 12:36

Padova, Marocchino uccide a coltellate la moglie per gelosia

L'uomo sospettava la donna di avere un amante

Padova, Marocchino uccide a coltellate la moglie per gelosia

Padova, 27 giu. (askanews) - E' stata la gelosia il movente che ha armato un cittadino marocchino di 36 anni, carpentiere, che ieri sera ha ucciso la moglie di 33 anni in un appartamento alla periferia di Padova. L'uomo, secondo quanto riporta il quotidiano 'Il Mattino di Padova', dopo una violenta lite con la moglie giunta da un anno in Italia, ha preso un coltello da cucina e ha colpito la giovane marocchina con alcuni fendenti al collo e alla spalla, uno dei quali, mortale, potrebbe avere tagliato la giugulare. Il dramma si è consumato nel soggiorno di casa di fronte alla figlioletta. Alla base di un rapporto ormai esacerbato il desiderio della donna di vivere all'"occidentale" e, forse, la relazione intrecciata con un altro uomo. Il carpentiere marocchino accecato dalla gelosia ha deciso di dare una lezione alla moglie che si è trasformata in tragedia. Sono stati i vicini, attirati dalle urla, ad avvisare la Polizia, quando gli agenti sono giunti sul luogo non hanno potuto che constatare il decesso della donna, in silenzio in un angolo il 36enne marocchino che alla Polizia avrebbe fornito anche il nome del presunto amante della donna, sembra un connazionale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari