sabato 10 dicembre | 16:11
pubblicato il 12/ago/2013 14:31

P.A.: Garante Privacy, no a diffusione indebita dati salute dipendenti

(ASCA) - Roma, 12 ago - Viola le norme sulla protezione dei dati personali la Pubblica amministrazione che comunica indebitamente informazioni sullo stato di salute di un proprio dipendente a terzi. Lo ha affermato il Garante privacy il quale, intervenuto a seguito della segnalazione di una professoressa universitaria, ha ritenuto illecita la comunicazione ad altri docenti di un decreto rettorale contenente informazioni sensibili che la riguardavano e ha prescritto all'amministrazione di conformare la gestione del trattamento dei dati personali alla disciplina del Codice privacy. In particolare, la segnalante lamentava il fatto che copia integrale del decreto rettorale che la collocava in ''interdizione dal lavoro'' e quindi in ''congedo per maternita''' fosse stata inviata a un docente in servizio presso un'altra Facolta', diffondendo informazioni molto delicate sulla sua salute. Tale documento, inoltre, era stato allegato dalla segreteria amministrativa al modulo di richiesta di affidamento dell'insegnamento che si sarebbe reso vacante, rendendo note le condizioni di salute della professoressa anche a tutti i docenti membri del Consiglio di Facolta' tenuti a deliberare sull'assegnazione della cattedra. Nel dichiarare illecito il trattamento, il Garante ha rilevato la presenza di dati sensibili nel decreto rettorale, poiche' le informazioni relative alla ''interdizione dal lavoro'' ai sensi della legge 151/2001, espressamente richiamata nel decreto, fanno riferimento a ''gravi complicanze della gravidanza o a persistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dalla gravidanza'', in base alle quali la Direzione provinciale del Lavoro e la Asl dispongono l'interdizione. Il Garante ha ribadito inoltre che, nel caso di specie, gli stessi dati sensibili potevano essere trattati soltanto dagli organismi espressamente indicati nel regolamento di Ateneo per le finalita' di gestione del rapporto di lavoro, mentre non dovevano essere comunicati a terzi. L'inclusione di dati sensibili nel decreto, infine, e' avvenuta anche in violazione del principio di necessita', poiche' non era indispensabile, ai fini dell'assegnazione dell'incarico resosi vacante, mettere a conoscenza i docenti dei motivi dell'assenza della professoressa. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina