martedì 17 gennaio | 08:05
pubblicato il 15/apr/2013 15:40

P.A.: Cia, da decreto sblocca debiti rischio aumenti Imu

(ASCA) - Roma, 15 apr - Un'altra amara sorpresa per i contribuenti italiani. I lavoratori dipendenti e i pensionati rischiano di pagare oltre 700 milioni di euro in piu' per l'Imu. A determinare questa nuova 'mannaia' sono le nuove norme contenute nel recente decreto (dl 35/13) che sblocca i debiti della pubblica amministrazione. Un provvedimento che nasconde un ulteriore e gravoso appesantimento degli oneri amministrativi e burocratici per i cittadini. Un esborso che si raddoppia se si calcolano i costi che dovranno sostenere anche le imprese. A denunciarlo e' la Cia-Confederazione italiana agricoltori che, facendosi carico dei disagi evidenziati dal proprio Centro di Assistenza fiscale (Caf-Cia), stigmatizza le modifiche apportate che ancora una volta sono tese a semplificare o ad agevolare il lavoro degli enti a discapito dei contribuenti.

Oltre alla pretesa di obbligare i cittadini a fare due calcoli distinti per il versamento dell'imposta, prima in acconto e poi a saldo per l'Imu, la Cia contesta il fatto che sia stata lasciata mano libera ai comuni per modificare, nel corso dell'anno, le aliquote senza alcuna limitazione. In questo modo, si raddoppiano gli oneri amministrativi a carico dei cittadini e delle imprese. Il decreto sblocca debiti, riscrivendo il comma 13 bis dell'articolo 13 del dl 201/11, infatti, non solo ha posticipato al 16 maggio la scadenza della pubblicazione di delibere -regolamenti comunali sul portale del federalismo fiscale, ma - aggiunge la Cia - ha modificato anche il sistema di calcolo delle rate dell'Imu. A seguito delle modifiche introdotte, la prima rata (con scadenza 17/06/2013) deve essere pagata in base alle aliquote e detrazioni delle delibere/regolamenti pubblicati sul portale del federalismo fiscale entro il 16 maggio 2013; in caso di mancata pubblicazione entro tale data, il versamento della prima rata -sottolinea la Cia - e' determinato in misura pari al 50 per cento dell'Imu dovuta sulla base delle aliquote/detrazione dell'anno precedente. La seconda rata (con scadenza 16/12/2013) - ricorda ancora la Cia - deve essere eseguita, a saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno, in base alle aliquote e detrazioni delle delibere-regolamenti pubblicati sul portale del federalismo fiscale entro il 16 novembre 2013; in caso di mancata pubblicazione entro la data fissata, si applicano le delibere/regolamenti pubblicati entro il 16 maggio dell'anno di riferimento, oppure in mancanza, quelli adottati l'anno precedente. I comuni hanno, quindi, la facolta' di inserire ulteriori delibere per modificare le aliquote in sede di seconda rata e il contribuente - avverte la Cia - sara' tenuto a verificare questa opzione prima di procedere al pagamento del saldo, vedendosi peraltro preclusa la possibilita' di pagare l'Imu in un'unica soluzione.

Cosi', sostiene la Cia, i contribuenti, non solo non possono ottenere il servizio di liquidazione dell'Imu in sede di assistenza fiscale per la redazione del modello 730 (come, invece, avveniva per l'Ici), ma non potranno contare su tariffe di elaborazioni Imu inferiori, stante la mole di lavoro che viene riversata sui soggetti deputati a fornire loro assistenza fiscale. com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello