lunedì 05 dicembre | 21:40
pubblicato il 19/lug/2012 15:05

Orti di sopravvivenza urbana: Genova coltiva ortaggi contro crisi

Una iniziativa di Terra Onlus nel quartiere di Cornigliano

Orti di sopravvivenza urbana: Genova coltiva ortaggi contro crisi

Genova, (askanews) - Queste zucchine sono pronte per essere raccolte. Ma non finiranno su qualche banchetto dei nostri mercati cittadini. Perchè in questo orto alle porte di Genova, giovani e non coltivano il proprio pezzetto di terra e poi godono dei frutti. L'associazione Terra Onlus ha realizzato, infatti, un piccolo orto in un parco pubblico del quartiere di Cornigliano: un modo per conciliare qualità della vita, recupero urbano e difficoltà economiche. Come spiega Simone Benevelli, promotore del progetto.Ma questi non solo solo orti di sopravvivenza urbana. Perchè al centro c'è anche la qualità dei prodotti. Gli ortaggi vengono infatti coltivati con il metodo sinergico che non prevede l'utilizzo di pesticidi e fertilizzanti chimiciUn modo per restituire dignità a quelle periferie urbane troppo spesso vissute solo come dormitori.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari