mercoledì 22 febbraio | 05:34
pubblicato il 20/dic/2011 13:04

Oriana Fallaci, giudice dispone perizia calligrafica testamento

Sarà effettuata sulla copia conforme custodita in Italia

Oriana Fallaci, giudice dispone perizia calligrafica testamento

Firenze, 20 dic. (askanews) - Una perizia calligrafica per stabilire l'autenticità della firma sul testamento di Oriana Fallaci. Lo ha disposto il Gip Angelo Antonio Pezzuti, che ha incaricato il perito Francesca Frasca di Milano. E' l'ennesimo capitolo nella vicenda che vede contrapposti il nipote Edoardo Perazzi, nominato nell'agosto 2006 erede universale della giornalista e scrittrice, e la sorella di Oriana, Paola Fallaci, che è madre di Edoardo. La perizia potrà essere effettuata non sull'originale, che è a New York, ma sulla copia conforme, che si trova in Italia. Tra le firme che serviranno alla verifica, ve ne sono ad esempio alcune apposte su assegni, fra cui uno con una somma ingente a favore del nipote, staccato pochi giorni prima del 15 settembre 2006, giorno della morte di Oriana Fallaci.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia