giovedì 08 dicembre | 01:24
pubblicato il 29/ott/2011 14:35

Ora solare/ Addio ora legale, lancette indietro di un'ora

Questa notte alle 3.00, si dorme un'ora in più ma rischio jet lag

Ora solare/ Addio ora legale, lancette indietro di un'ora

Roma, 29 ott. (askanews) - Addio ora legale, torna nella notte, fra sabato 29 e domenica 30 ottobre, l'ora solare: esattamente alle ore 03.00 infatti bisognerà spostare le lancette degli orologi un'ora indietro. L'ora legale tornerà il 25 marzo 2012. Durante il periodo di ora legale, iniziato il 26 marzo 2011, grazie proprio a quell'ora quotidiana di luce in più che ha portato a posticipare l'uso della luce artificiale, l'Italia - secondo i calcoli di Terna - ha risparmiato complessivamente circa 647 milioni di kilowattora (644,4 milioni di kWh il minor consumo del 2010), un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di oltre 215.000 famiglie. Con l'ora solare, invece, almeno si dormirà un'ora in più ma, secondo gli esperti, il sonno aggiuntivo non sarà sufficiente a risparmiare al nostro organismo l'effetto di un piccolo jet lag. A completare il quadro, le giornate che si accorceranno togliendo ore di luce, inducendoci a essere meno attivi e più soggetti a malumore, sonnolenza e stanchezza, tanto che alcuni potrebbero anche andare incontro a una vera e propria depressione stagionale. Ma i rimedi ci sono, spesso mutuati dal cassetto delle nonne, o del buon senso. Ad esempio, affrontare le giornate con gradualità e tranquillità: meglio non essere schiavi delle lancette dell'orologio e cercare di assecondare gli stimoli del nostro corpo, quelli del sonno-veglia e quello della fame. Così, pian piano i nostri ritmi si adegueranno a quelli della natura. Importante anche preparare con cura l'ambiente in cui si dorme, eliminando le fonti di disturbo (computer e televisore in testa) e senza cedere alla tentazione di riscaldare troppo la stanza. Bandite le sostanze eccitanti come tè e caffè, l'autunno è il momento giusto per scoprire i benefici di infusi e tisane. Con il cambio di temperature, di alimentazione e il ritorno all'ora solare si ripresentano puntuali i disturbi gastrointestinali, specie per le donne che sono due volte più colpite degli uomini. Anche per gli oltre 12 milioni di italiani che soffrono l'insonnia il passaggio tra ora legale e solare può essere più morbido grazie ad un po' di attenzione al menù: pane, pasta e riso, ma anche lattuga, radicchio, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte e frutta dolce è importante per favorire il sonno. Sono i consigli della Coldiretti per fugare l'allarme insonnia che arriva con l'obbligo di spostare di un'ora indietro le lancette dell'orologio che provoca un cambiamento del ciclo del sonno con il rischio di insonnia accompagnata da ansia, nervosismo, malumore, mal di testa e tensione muscolare. Un buon dolcetto ricco di carboidrati semplici ha un'azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele che creano un'atmosfera di relax e di piacere che distende la mente. E, come nonne insegnano, un bicchiere di latte caldo, giusto prima di andare a letto è un toccasana: oltre a diminuire l'acidità gastrica che può interrompere il sonno, fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni