venerdì 30 settembre | 15:25
pubblicato il 18/set/2013 14:38

Omofobia: Amnesty, Italia e altri paesi Ue non fanno abbastanza

Omofobia: Amnesty, Italia e altri paesi Ue non fanno abbastanza

(ASCA) - Roma, 18 set - L'Unione Europea e alcuni suoi stati membri non stanno contrastando i crimini d'odio omofobico e transfobico ne' proteggono le persone dalla discriminazione, dalla persecuzione e dalla violenza. E' quanto emerge da un rapporto pubblicato oggi da Amnesty International, che punta il dito anche contro l'Italia. Il documento, intitolato ''A causa di cio' che sono: omofobia, transfobia e crimini d'odio in Europa'', mette in luce le lacune esistenti nella legislazione di molti paesi europei in cui l'orientamento sessuale e l'identita' di genere non sono espressamente compresi nei motivi per cui i crimini d'odio possono essere perpetrati. Il rapporto evidenzia, inoltre, l'inadeguatezza degli standard dell'Ue sui crimini d'odio in materia di contrasto della violenza omofobica e transfobica.

Secondo un recente sondaggio all'interno dell'Ue, l'80 per cento dei casi di violenza omofobica e transfobica non viene denunciato alla polizia, spesso per timore di un'ulteriore vittimizzazione a causa di un'omofobia e transfobia istituzionalizzate. In altri casi, i gay non apertamente tali non segnalano gli attacchi subiti perche' hanno paura di essere scoperti da coetanei e parenti.

In paesi come Bulgaria, Germania, Italia, Lettonia e Repubblica Ceca - prosegue il rapporto di Amnesty -non esiste una normativa completa sui crimini d'odio in quanto non sono compresi i reati contro le persone a causa del loro reale o percepito orientamento sessuale e dell'identita' di genere.

In altri paesi, come Croazia e Grecia, le leggi contro i crimini d'odio omofobico e transfobico non vengono adeguatamente applicate, col risultato che talvolta i motivi omofobici e transfobici non vengono registrati dalla polizia o indagati in modo approfondito.

Per quanto riguarda l'Italia, il rapporto di Amnesty International segnala il caso di Michelle, una giovane transgender di Catania che nel febbraio 2012 e' stata picchiata da numerose persone a causa della sua identita' di genere. Tuttavia, a causa delle lacune nella legislazione penale italiana l'odio transfobico non sara' esplicitamente preso in considerazione come movente nel perseguimento di questo crimine o nella determinazione della condanna e della pena.

Amnesty ha fatto appello ai parlamentari di Montecitorio, dove e' ripresa la discussione del disegno di legge sul contrasto dell'omofobia e della transfobia, di adoperarsi affinche' l'Italia introduca senza ulteriori ritardi una legge per contrastare i crimini d'odio basati sull'orientamento sessuale e sull'identita' di genere.

red-uda/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, senza ok a bilancio entro 31-12 scatta commissariamento
Camorra
Camorra, recuperati due dipinti di Van Gogh rubati nel 2002
Corruzione
Corruzione, blitz nel Casertano: misura cautelare per sindaco
Criminalità
Truffe agli anziani, 9 arresti tra Napoli e Bologna
Altre sezioni
Salute e Benessere
A Roma arriva la Tac più veloce al mondo, radiazioni ridotte del 90%
Enogastronomia
Food, In Sicilia cena di beneficenza Fic e Cuochi Etnei
Start Up
Al via campagna crowdfounding a sostegno del progetto Ethicjobs
Motori
La Ferrari svela la Gtc4Lusso T, a Parigi l'anteprima mondiale
Turismo
Confindustria Alberghi, premio Hotel expert a Palmucci
Moda
Moda, a Parigi sfila Yves Saint Laurent in versione Vaccarello
Sistema Trasporti
Fs, piano industriale da 94 miliardi di investimenti in 10 anni
Scienza e Innovazione
Kenya, da cacciatori a custodi di leoni: masai sempre guerrieri
Lifestyle e Design
Nautica, Baglietto: investimenti per 12 mln entro il 2020