venerdì 09 dicembre | 03:41
pubblicato il 21/mar/2012 17:45

Omicidio via Poma/ Periti:quello su seno Simonetta non è un morso

Depositate conclusioni ai giudici della corte d'assise d'appello

Omicidio via Poma/ Periti:quello su seno Simonetta non è un morso

Roma, 21 mar. (askanews) - Non sono segni di un morso quelli rinvenuti sul capezzolo sinistro di Simonetta Cesaroni, uccisa con 29 coltellate il 7 agosto del 1990 in uno stabile di via Poma a Roma. E' questa la conclusione posta in rilievo dai periti nominati dalla corte d'assise d'appello, e riportata nell'elaborato depositato all'attenzione dei giudici della corte d'assise d'appello. "Le due minime lesioni escoriative seriate poste al quadrante supero-mediale della base d'impianto del capezzolo sinistro - si legge - non sono in grado di configurare alcun morso, oltretutto mancando l'evidente traccia di opponente, per cui restano di natura incerta", per i periti "potrebbe essere di tutto" . Per la morte della ragazza in primo grado l'ex fidanzato, Raniero Busco, è stato condannato a 24 anni di reclusione con l'accusa di omicidio volontario.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni