domenica 22 gennaio | 07:45
pubblicato il 26/gen/2011 05:14

Omicidio via Poma/ Oggi i giudici si ritirano per sentenza

Possibile la presenza in aula di Raniero Busco

Omicidio via Poma/ Oggi i giudici si ritirano per sentenza

Roma, 26 gen. (askanews) - Potrebbe arrivare in serata la sentenza per l'omicidio di Simonetta Cesaroni, avvenuto a Roma il 7 agosto del '90. Unico imputato è Raniero Busco, allora fidanzato con la ragazza che fu trovata cadavere all'interno degli uffici dell'associazione ostelli della gioventù in via Poma. Per lui i pm hanno chiesto per lui l'ergastolo per omicidio volontario con l'aggravante della crudeltà. Il processo prevede ancora delle repliche del pubblico ministero Ilaria Calò e dei legali di parte civile. Poi dopo l'ulteriore conclusione del difensore, l'avvocato Paolo Loria, ogni cosa sarà affidata ai 6 giudici popolari ed ai due togati. Ma solo quando il presidente della III corte d'assise, Evelina Canale, prenderà la parola per leggere la decisione si capirà il valore da dare a tutta una serie di elementi su cui accusa e difesa hanno dibattuto per quasi un anno, a partire dalla prima udienza del 3 febbraio del 2010. E secondo quanto si è appreso non è esclusa la presenza in aula di Busco o della moglie, Roberta Milletarì, così come dei molti amici della zona di Morena, che in questi mesi sono stati vicini all'imputato, alla sua famiglia. L'aula bunker di Rebibbia sarà certamente testimone di un pezzo di cronaca e storia. "Perché per la morte di Simonetta a puro titolo di esempio sono rigonfie le pagine di internet. In nessun altro caso c'è stata e c'è ancora tanta attenzione mediatica", ha spiegato l'avvocato Andrea Magnanelli, del Comune di Roma, parte civile nel processo. I nodi che legano Busco al delitto sono quelli venuti dall'esame dei vestiti che aveva indosso Simonetta il giorno della morte e quelli inerenti un alibi che secondo la Procura non c'è mai stato e che ha ingenerato una serie di false dichiarazioni. Il tutto è completato da alcuni - "precedenti caratteriali", secondo la definizione di un altro degli avvocati della famiglia della vittima, in merito a liti di Busco con vicini di casa e con la cognata. Per l'avvocato Loria i giudici devono solo assolvere e così restituire dignità al suo assistito. "Perché i dubbi, i misteri, in questa vicenda pesano come macigni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4