lunedì 20 febbraio | 12:12
pubblicato il 19/set/2013 12:00

Omicidio Udine, fermato uomo con problemi psichici: ha confessato

Aveva coltello da cucina sporco di sangue

Omicidio Udine, fermato uomo con problemi psichici: ha confessato

Roma, 19 set. (askanews) - Svolta nel giallo dell'omicidio di Silvia Gobbato, la 28enne uccisa a coltellate martedì scorso mentre faceva jogging in una strada campestre alla periferia di Udine: i carabinieri hanno fermato un uomo di 36 anni con problemi psichici, che ha confessato. L'uomo è stato trovato in possesso di un coltello da cucina, sporco di sangue. E' stato portato in caserma e ha fatto alcune ammissioni che sono però al vaglio degli investigatori. Il 36enne infatti, già in cura al centro di igiene mentale, è affetto da disturbi psichici. Silvia Gobbato, praticante in uno studio legale di Udine, è stata uccisa con 12 coltellate, e l'arma del delitto, date le ferite, sarebbe stato un coltello a lama larga: l'uomo è stato trovato con un coltello da cucina sporco di sangue che è stato sequestrato e sono in corso gli accertamenti per accertare se sia l'arma del delitto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia