domenica 11 dicembre | 02:15
pubblicato il 19/set/2013 12:00

Omicidio Udine, fermato uomo con problemi psichici: ha confessato

Aveva coltello da cucina sporco di sangue

Omicidio Udine, fermato uomo con problemi psichici: ha confessato

Roma, 19 set. (askanews) - Svolta nel giallo dell'omicidio di Silvia Gobbato, la 28enne uccisa a coltellate martedì scorso mentre faceva jogging in una strada campestre alla periferia di Udine: i carabinieri hanno fermato un uomo di 36 anni con problemi psichici, che ha confessato. L'uomo è stato trovato in possesso di un coltello da cucina, sporco di sangue. E' stato portato in caserma e ha fatto alcune ammissioni che sono però al vaglio degli investigatori. Il 36enne infatti, già in cura al centro di igiene mentale, è affetto da disturbi psichici. Silvia Gobbato, praticante in uno studio legale di Udine, è stata uccisa con 12 coltellate, e l'arma del delitto, date le ferite, sarebbe stato un coltello a lama larga: l'uomo è stato trovato con un coltello da cucina sporco di sangue che è stato sequestrato e sono in corso gli accertamenti per accertare se sia l'arma del delitto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina