mercoledì 07 dicembre | 12:33
pubblicato il 09/mar/2011 09:27

Omicidio Siani, il boss Nuvoletta resta al 41 bis

Respinto ricorso che lamentava "condizioni inumane"

Omicidio Siani, il boss Nuvoletta resta al 41 bis

Il mandante dell'omicidio Siani resta al 41 bis. La Cassazione ha confermato il regime del carcere duro al boss Angelo Nuvoletta condannato all'ergastolo per l'omicidio del giovane cronista del Mattino nel 1985 a Napoli dopo una serie di articoli che davano fastidio alla malavita, una vicenda raccontata anche nel film "Fortapasc". La Suprema Corte ha, respinto il ricorso di Nuvoletta, nel quale sosteneva che il suo stato di detenzione a Rebibbia fosse inumano ed equivalesse a una vera e propria "tortura". La Cassazione ha replicato al boss che il suo stato di detenzione è pienamente "compatibile con la salvaguardia dei diritti umani", e lo ha punito anche con la condanna al pagamento delle spese processuali e al versamento di mille euro per la totale infondatezza dei motivi di ricorso. Nuvoletta è stato arrestato nel 2001.

Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Camorra
Controllo piazze spaccio nel Salernitano: 21 ordinanze cautelari
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Federalberghi, Bocca: da ponte 8 dicembre segnale positivo
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni