martedì 06 dicembre | 21:48
pubblicato il 29/ago/2011 19:40

Omicidio Rea/Familiari Parolisi sentiti per sei ore da pm Teramo

In serata padre, fratello e sorella in carcere da Salvatore

Omicidio Rea/Familiari Parolisi sentiti per sei ore da pm Teramo

Teramo, 29 ago. (askanews) - E' durato poco più di due ore e mezza il faccia a faccia tra Rocco Parolisi, il fratello di Salvatore Parolisi, il militare accusato dell'omicidio della moglie Melania Rea, e i magistrati di Teramo che indagano sul caso. Al fratello del militare, guardia carceraria a Rovereto, gli inquirenti avrebbero chiesto informazioni riguardanti le relazioni extraconiugali del caporalmaggiore e delucidazioni sul comportamento di Salvatore nei giorni successivi al ritrovamente del cadavere di Melania. Rocco Parolisi ha iniziato il colloquio con i due magistrati teramani titolari dell'inchiesta, Davide Rosati Greta Aolisi, intorno alle 14.40, per uscire poco dopo le 17. Insieme ai pm i carabinieri di Ascoli Piceno e di Teramo. In mattinata gli inquirenti avevano ascoltato per circa tre ore la sorella di Salvatore Parolisi, Francesca. Al centro del lungo faccia a faccia vi sarebbe stata la telefonata tra Francesca e il caporalmaggiore avvenuta il 25 maggio scorso e intercettata dai carabinieri dei Ros. Nel colloquio la sorella aveva parlato di "clienti" all'interno della caserma Clementi dove prestava servizio Salvatore Parolisi, mentre il militare si era detto dispiaciuto "che a rimetterci sia stata Melania". Nel faccia a faccia di stamane sarebbe emerso che il termine clienti era stato utilizzato dalla sorella del militare nell'accezione napoletana, intendendo riferirsi a persone venutesi a trovare nella medesima situazione del fratello. E' la prima volta che i familiari di Parolisi vengono sentiti dai magistrati che indagano sul caso. In Procura a Teramo, stamane, era presente anche il padre di Salvatore, Pasquale Parolisi, che non è stato ascoltato dai pm. "Speriamo si arrivi il più presto possibile alla verità", ha dichiarato Francesca Parolisi uscendo dagli uffici dei magistrati. "Siamo una famiglia semplice, non auguriamo quanto ci sta accadendo neanche al peggior nemico", ha continuato. Lasciato il palazzo di Giustizia, intorno alle 18, i familiari di Parolisi si sono recati al carcere teramano di Castrogno, in cui è tuttora rinchiuso il caporalmaggiore, dove il padre incontrerà per la prima volta Salvatore dal giorno dell'omicidio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni