martedì 21 febbraio | 20:43
pubblicato il 19/lug/2011 13:14

Omicidio Rea/ Salvatore prima dell'arresto: sono innocente

Mail inviata a poche ore dall'arresto resa nota da Studio Aperto

Omicidio Rea/ Salvatore prima dell'arresto: sono innocente

Roma, 19 lug. (askanews) - "Caro Antonio, in questi momenti di grande preoccupazione, io grido la mia innocenza. Sono sereno con la mia coscienza, non ho fatto nulla". In esclusiva ai microfoni di 'Studio Aperto', il giornalista Antonio Delitala legge le parole di sfogo di Salvatore Parolisi, che pochi minuti dopo la mezzanotte e poche ore prima del suo arresto per l'omicidio della moglie, gli ha inviato via mail. Il caporal maggiore ribadisce la sua innocenza e la sete di giustizia per la morte della moglie Melania: "Amavo mia moglie e provo un grande dolore, e sono il primo a chiedere giustizia", dice e conclude rivolgendo il pensiero alla figlia: "Per la giustizia e per far crescere mia figlia accanto a me dandole affetto, sia il mio che quello della madre, la cui perdita è enorme sia per me che per mia figlia. Mia figlia è oggi tutta la mia famiglia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia