lunedì 23 gennaio | 22:00
pubblicato il 09/gen/2012 18:04

Omicidio Rea/ Parolisi non vede figlia: rinviato incontro carcere

Su decisione dei servizi sociali dell'Aquila

Omicidio Rea/ Parolisi non vede figlia: rinviato incontro carcere

Roma, 9 gen. (askanews) - Salvatore Parolisi non ha visto sua figlia Vittoria: il colloquio che avrebbe dovuto tenersi in carcere a teramo è stato rinviato su decisione dei servizi sociali dell'aquila, competenti a dare esecuzione alla decisione del tribunale dei minori di Napoli che aveva autorizzato il colloquio. Parolisi avrebbe incontrato la figlia per la prima volta da quando è stato arrestato, il 20 luglio scorso, con l'accusa di avere ucciso con 35 coltellate la moglie, Melania Rea il cui corpo fu trovato il 20 aprile nel boschetto di Ripe di Civitella, due giorni dopo la sua scomparsa. Spiega l'avvocato che assiste la famiglia Rea, Mauro Gionni: "La bambina è arrivata da Napoli dopo ore di macchina con i nonni. Gli assistenti sociali, come anche da me proposto, hanno chiesto che al colloquio fosse presente anche la nonna, la madre di Melania. La donna è disponibile a essere presente ma non si sentiva pronta. Aveva paura di mettersi a piangere incontrando l'uomo che è indagato per l'omicidio della figlia. Temeva per Vittoria, di metterla in difficoltà, voleva quindi essere prima preparata all'incontro. la stessa assistente sociale dell'aquila ha quindi riconosciuto che non c'erano le condizioni per far incontrare Parolisi con la figlia e ha deciso di rinviare il colloquio a data da destinarsi, per farlo svolgere al meglio nell'interesse di Vittoria". Di fronte alle difficoltà della nonna di Vittoria l'avvocato Gionni ha anche chiesto di far assistere al colloquio uno psicologo di fiducia ma l'autorizzazione, spiega, è arrivata troppo tardi perché potesse essere organizzato l'incontro nel carcere teramano. Per Gionni "sarebbe stato meglio che il padre fosse stato trasferito a Somma Vesuviana, dove potevano partecipare le assistenti sociali che già seguono la piccola. Non ci sono opposizioni da parte della famiglia Rea perché la piccola incontri il padre, ma deve avvenire con le massime cautele per lei , per il suo bene". La bambina, i nonni e l'avvocato Gionni hanno incontrato l'assistente sociale dell'Aquila nell'istituto tecnico commerciale Comi, e al termine dell'incontro per verificare fossero le condizioni perché la bimba incontrasse nin carcere il padre, è stato deciso il rinvio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4