martedì 17 gennaio | 08:11
pubblicato il 17/lug/2011 16:45

Omicidio Rea/ Legale Parolisi:ferite post mortem prova innocenza

"Un punto di forza della difesa".Domani Salvatore torna ad Ascoli

Omicidio Rea/ Legale Parolisi:ferite post mortem prova innocenza

Roma, 17 lug. (askanews) - "La presenza di ferite post mortem sul corpo di Melania è uno dei punti di forza della difesa": lo ha detto a a TMNews l'avvocato Valter Biscotti, uno dei legali di Salvatore Parolisi, unico indagato a piede libero per la morte della moglie Melania Rea, la 29enne di Somma Vesuviana trovata morta il 20 aprile scorso, massacrata con 33 coltellate nella pineta di Ripe di Civitella, nel teramano. Secondo Biscotti, infatti, "è chiaro che secondo le tesi dei periti qualcuno è ritornato da un'ora dopo e fino a un tempo considerevolmente posteriore alla morte di Melania, ovvero anche poco prima del ritrovamento del cadavere, sul luogo del delitto per infliggere delle ferite. Dalle 15.30 del 18 aprile Salvatore Parolisi è stato però sotto gli occhi di tutta Italia, intercettato, seguito, accompagnato. Come avrebbe potuto muoversi senza essere visto?". "Tant'è - prosegue il legale - che allora arriva l'ipotesi assurda che abbia un complice. E' ovvio che chi ha inferto quelle ferite è l'assassino e proprio quelle ferite dimostrano l'innocenza di Salvatore". Ancora, riguardo le dichiarazioni dell'amico e vicino di casa di Salvatore Raffaele Paciolla, emerse sulla stampa, secondo il quale Parolisi si sarebbe allontanato alle 5 di mattina del 20 aprile, a poche ore dal ritrovamento del corpo di Melania, l'avvocato Biscotti commenta: "Prenderò in considerazione le dichiarazioni di testimoni quando le avrò lette negli atti. Si tratta comunque di una cosa di poco conto, ammesso che sia vera, della solita partita a colpire in ogni modo Salvatore Parolisi. Ribadisco, dopo le 15.30 del 18 aprile Salvatore è sotto la lente d'ingrandimento di tutta Italia". Intanto domani il caporal maggiore dell'esercito tornerà in servizio ad Scoli Piceno, ma prima farà una tappa a Roma per riprendere la Renault Scenic sotto esame al laboratorio dei Ris e che è stata dissequestrata in quanto non sono emersi elementi utili all'indagine. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello