lunedì 23 gennaio | 18:04
pubblicato il 03/ago/2011 10:39

Omicidio Rea, gip: "Melania uccisa per i segreti della caserma"

Giudice Cirillo: approfondire cosa avveniva in 235mo reggimento

Omicidio Rea, gip: "Melania uccisa per i segreti della caserma"

Roma, 3 ago. (askanews) - Svolta nelle indagini sull'omicidio di Melania Rea, secondo il gip di Teramo, Giovanni Cirillo, la donna sarebbe stata uccisa perché aveva scoperto qualcosa sulla caserma in cui il marito, Salvatore Parolisi, era caporalmaggiore. Secondo il gip la tesi del movente passionale non regge del tutto: "Non solo gelosia, l'indagato non era particolarmente geloso", ha scritto Cirillo nell'ordinanza consegnata ieri. Per il gip, il motivo che avrebbe portato Parolisi a uccidere la moglie il 20 aprile scorso è collegato a qualcosa che Melania Rea aveva scoperto "qualcosa di assai più grave o anche solo di torbido, di inconfessabile" legato al 235mo reggimento Piceno in cui era in forza il marito. La tesi del gip è rafforzata dal fatto che Parolisi il 19 aprile avrebbe contattato l'amica di Melania, Maria Immacolata, per chiederle che cosa le aveva detto ultimamente la moglie. E dal fatto che Parolisi ha eliminato il suo account Facebook nel tentativo di eliminare i contatti con Ludovica, l'allieva con cui manteneva una relazione extra-coniugale. Secondo il gip Cirillo nell'indagine "si dovrebbero approfondire i rapporti interni alla caserma" eventuali "giri di droga" e "ulteriori frequentazioni" di Parolisi. Non solo, Cirillo ha anche riesumato un caso del passato: un "omicidio colposo che avrebbe visto coinvolto Parolisi", un incidente stradale in cui morì un bambino nel 2008, come riportato dal quotidiano "la Repubblica". Cirillo ha detto di voler approfondire il "ruolo processuale" di Melania in quel caso. Il gip non ha escluso anche la presenza di un complice, ma solo nella fase dei "depistaggi" nella "deturpazione" del corpo di Melania e nel tentativo di legare la morte della 29enne al mondo della droga. Secondo il giudice l'alibi di Parolisi presenta alcune lacune, per Cirillo l'uomo avrebbe spento il cellulare al momento in cui Melania è scomparsa e avrebbe cancellato dal telefono della moglie i messaggi in cui compariva il suo nome.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Maltempo
Hotel Rigopiano, individuato il cadavere di un uomo: 6 le vittime
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Gioco azzardo
Nomisma: 1,2 mln di studenti tenta la fortuna col gioco d'azzardo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4