lunedì 20 febbraio | 00:35
pubblicato il 24/giu/2011 05:10

Omicidio Rea/ Attesa per l'interrogatorio oggi di Parolisi

Caporal maggiore davanti ai pm per la prima volta quale indagato

Omicidio Rea/ Attesa per l'interrogatorio oggi di Parolisi

Ascoli Piceno, 24 giu. (askanews) - Attesa per l'interrogatorio in Procura oggi ad Ascoli Piceno di Salvatore Parolisi. Il caporal maggiore dell'esercito è indagato per l'omicidio della moglie Melania Rea, la 29enne di Somma Vesuviana scomparsa il 18 aprile e trovata morta, massacrata con 32 coltellate, il 20 aprile nella pineta di Ripe di Civitella. il primo interrogatorio che Parolisi sosterrà di fronte ai pm in veste di indagato: alle 16.30 il 30enne istruttore delle soldatesse del 235esimo reggimento di Ascoli Piceno, accompagnato dai suoi avvocati Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, si siederà davanti ai pm Umberto Monti ed Ettore Picardi, che condurranno l'interrogatorio. "Gli verranno contestati in veste di indagato quegli elementi di prova che riteniamo di aver raggiunto", spiegano gli inquirenti. "Le indagini - sottolineano - sono ancora in corso". Salvatore Parolisi ha accumulato diverse contraddizioni, anche con le sue dichiarazioni pubbliche, delle quali gli verrà chiesto conto. Il colpo di scena ci sarà? La consegna del silenzio, alla vigilia dell'interrogatorio, accomuna inquirenti, investigatori e i difensori di Parolisi, in un caso che, nonostante la svolta dell'informazione di garanzia, sembra sempre tendere ad avvitarsi su se stesso, complicato anche dalla questione del giudice naturale competente. Se l'autopsia, il cui deposito ufficiale è previsto per l'inizio della prossima settimana, stabilirà infatti che il luogo del delitto è Ripe di Civitella, cosa di cui gli investigatori sembrano certi, la competenza sull'omicidio deve passare a Teramo. Di fronte ai pm Salvatore Parolisi ha comunque tre strade: avvalersi della facoltà di non rispondere, nonostante la pressione mediatica e le speranze della famiglia Rea; rispondere ed eventualmente fornire nuovi elementi che potranno essere anche oggetto di indagine; o infine confessare un delitto di cui si è sempre dichiarato innocente. Ieri Parolisi e i suoi avvocati Biscotti e Gentile si sono incontrati per stabilire la strategia difensiva in vista dell'interrogatorio di domani: "Decideremo lì per lì, al momento, se il nostro assistito si avvarrà o meno della facoltà di non rispondere", si sono limitati a dire i difensori. In ogni caso, a meno di una sorprendente confessione, difficilmente potrà scattare un provvedimento di fermo che sarebbe motivato solo in caso di pericolo di fuga, difficilmente sostenibile, senza nuovi clamorosi elementi, a due mesi dall'omicidio. Quindi qualsiasi cosa Parolisi decida di fare, restare in silenzio o rispondere alle domande, i pm dovranno eventualmente limitarsi a chiedere un'ordinanza di custodia cautelare e trasmettere gli atti al gip, al quale spetterà la decisione al netto della questione della competenza territoriale dei magistrati di Teramo, mentre Parolisi continua a restare "tranquillissimo" e a mantenere una "calma olimpica", perché "non ha nulla da temere", sottolineano i suoi avvocati. In mezzo a questo complicato scenario, resta la speranza dei familiari di Melania Rea che "tutto si risolva e si arrivi alla verità, per Melania e per sua figlia Vittoria".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia