giovedì 08 dicembre | 11:05
pubblicato il 07/nov/2011 05:11

Omicidio Garlasco/ Martedì al via appello, Rita Poggi: giustizia

In 1 grado Stasi assolto per non aver commesso il fatto

Omicidio Garlasco/ Martedì al via appello, Rita Poggi: giustizia

Milano, 7 nov. (askanews) - Ritorna l'accusa. A poco meno di due anni dal giorno in cui il gup di Vigevano lo assolse per l'omicidio di Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco il 13 agosto del 2007, per l'ex fidanzato della vittima, Aberto Stasi, unico indagato per la sua morte, si apre martedì a Milano il processo di appello. Voluto dal pm di Vigevano che per primo condusse le indagini e la cui tesi non venne accolta dal gup, dalla famiglia di Chiara e dal pg di Milano Laura Barbaini. Martedì saranno presenti i genitori di Chiara, Giuseppe e Rita Poggi, e il fratello. "Fiducia", "voglia di giustizia e verità per sua figlia" sono i sentimenti che accompagnano la madre Rita dentro l'aula. Per lei c'è solo Chiara e la sua famiglia, nulla ha da dire su Alberto: "parlano gli atti", ripete. E anche Alberto, che nei giorni scorsi si è già riunito nello studio dei suoi legali, si presenterà all'appuntamento che potrebbe rivelarsi puramente tecnico. E che si terrà senza pubblico. In occasione dell'inizio del processo alcune testate avevano richiesto di poter assistere all'udienza. A questa richiesta, secondo quanto si apprende, i legali di Stasi hanno inviato una comunicazione per sottolineare che l'udienza è in camera di consiglio e non prevede la presenza di alcuno eccetto le parti. Dentro l'aula della II Corte d'Assise d'Appello, il cui collegio sarà presieduto da Anna Conforti, la lettura di una relazione sposterà indietro le lancette del tempo, per ripercorrere quanto accaduto quell'afoso giorno di agosto di 4 anni fa. E quanto sarebbe accaduto in seguito. Il fidanzato di Chiara, Alberto, allora 24enne, indicato dall'accusa come autore del delitto, e poi assolto "per non aver commesso il fatto" dal gup Stefano Vitelli, con il rito abbreviato (durato 10 mesi), scelto dall'indagato che prevede si decida, in sostanza, sulla base degli atti. Al termine delle lunghe motivazioni il magistrato arrivava a considerare "il complessivo quadro istruttorio" sia "contradditorio" che "altamente insufficiente" a dimostrare la colpevolezza dell'imputato oltre ogni "ragionevole dubbio". La sentenza si sofferma sulla dimostrazione degli errori degli inquirenti, attacca invece il pg nel ricorso, "dimenticandosi di dover dedicare altrettanta attenzione alla parte ricostruttiva". "Perde di vista" scrive il pg "la dinamica del fatto" che "risulta del tutto incompatibile con l'ipotesi del soggetto terzo, autore dell'omicidio". "Perde di vista" continua il pg, che Alberto "è in realtà rimasto senza alibi" tra le 9,12 e le 9 e 35: indicata dalla sentenza come ora probabile della morte". Anche per questo, la Barbaini chiede la condanna dell'imputato, la rinnovazione della perizia sul percorso, sulle suole, e informatico. Parla invece di "eccesso di protezione dei diritti dell'imputato che ha finito per calpestare i diritti della vittima e dei suoi famigliari" il ricorso della famiglia Poggi, che la madre di Chiara si era recata personalmente a depositare, dopo la sentenza di primo grado. Viene definita "ultragarantista" la visione con cui in primo grado "si sono voluti interpretare tutti gli indizi a carico di Alberto Stasi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni