domenica 26 febbraio | 16:26
pubblicato il 29/giu/2011 13:51

Omicidio Fortugno, dopo sei anni spunta una nuova pista

Intervista all'avvocato di un condannato: riaprire il processo

Omicidio Fortugno, dopo sei anni spunta una nuova pista

A sei anni dall'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria Francesco Fortugno spunta una nuova informativa e si apre una nuova pista. Almeno secondo quanto sostengono i difensori dei quattro giovani condannati in primo e secondo grado come mandanti ed esecutori dell'omicidio. In un'intercettazione, finora non ritenuta rilevante, degli 'ndranghetisti parlano con un boss di qualcosa che nei giorni successivi li avrebbe fatti ridere. L'omicidio Fortugno si consumerà a Locri tre giorni dopo. L'avvocato Eugenio Minniti, difensore di uno dei condannati, parla a nome di tutti e quattro. Minniti quindi chiede che la cassazione prenda in considerazione i nuovi elementi. Per i legali degli imputati, dunque, il processo andrebbe riaperto.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech