venerdì 02 dicembre | 23:25
pubblicato il 29/giu/2011 13:51

Omicidio Fortugno, dopo sei anni spunta una nuova pista

Intervista all'avvocato di un condannato: riaprire il processo

Omicidio Fortugno, dopo sei anni spunta una nuova pista

A sei anni dall'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria Francesco Fortugno spunta una nuova informativa e si apre una nuova pista. Almeno secondo quanto sostengono i difensori dei quattro giovani condannati in primo e secondo grado come mandanti ed esecutori dell'omicidio. In un'intercettazione, finora non ritenuta rilevante, degli 'ndranghetisti parlano con un boss di qualcosa che nei giorni successivi li avrebbe fatti ridere. L'omicidio Fortugno si consumerà a Locri tre giorni dopo. L'avvocato Eugenio Minniti, difensore di uno dei condannati, parla a nome di tutti e quattro. Minniti quindi chiede che la cassazione prenda in considerazione i nuovi elementi. Per i legali degli imputati, dunque, il processo andrebbe riaperto.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari