sabato 25 febbraio | 17:49
pubblicato il 15/feb/2017 17:54

Omicidio Elena Ceste, in appello confermati 30 anni al marito

Sequestrata casa dell'iputato: "Così i ragazzi avranno qualcosa"

Omicidio Elena Ceste, in appello confermati 30 anni al marito

Torino, 15 feb. (askanews) - La Corte d'Assise d'appello di Torino ha confermato la condanna a 30 anni per Michele Buoninconti, ritenuto responsabile dell'omicidio della moglie Elena Ceste nel gennaio del 2014.

Oltre alla sentenza di condanna la Corte ha emesso un'ordinanza di sequestro dei beni di Buoninconti, in particolare della casa di sua proprietà a Costigliole e del denaro ancora presente sui suoi conti correnti.

"Così riusciremo forse a fare avere qualcosa ai ragazzi", i quattro figli minorenni di Buoninconti e di Elena Ceste, ha commentato l'avvocato di parte civile in rappresentanza della famiglia Deborah Abate Zaro.

Il verdetto è stato accolto in silenzio dall'imputato e con commozione dalla mamma di Elena Ceste, la signora Lucia, che però assieme al marito Franco non ha voluto commentare la sentenza, le cui motivazioni saranno depositate entro 90 giorni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech