sabato 03 dicembre | 15:25
pubblicato il 26/gen/2014 13:01

Omicidio Caselle, inquirenti: ex colf ruolo di primo piano

La confessione dell'ex convivente Palmieri non aveva convinto

Omicidio Caselle, inquirenti: ex colf ruolo di primo piano

Caselle (askanews) - E' accusata di aver partecipato al triplice omicidio della famiglia Allioni a Caselle Torinese, Dorotea De Pippo, 52 anni, ex colf delle vittime ed ex convivente del reo confesso, Giorgio Palmieri. La donna, che nega ogni accusa, non ha inferto le coltellate mortali alle tre vittime, ma ha avuto un ruolo di primo piano, "un coinvolgimento diretto nella premeditazione ed esecuzione" della strage. Il comandante provinciale dei Carabinieri di Torino, Roberto Massi ha spiegato i dettagli investigativi che hanno condotto alla'arresto della colf: "Sono stati i riscontri successivi, le telefonate, i messaggi e l'uso del bancomat". Domenico Mascoli, capo del nucleo investigativo dei carabinieri spiega che la confessione di Giorgio Palmieri il 7 gennaio scorso fin da subito non aveva convinto del tutto gli inquirenti. "Quando il Palmieri aveva confessato c'erano circostanze che non riuscivano a darci un completo riscontro". Quel suo continuo ripeter "ho agito da solo" sapeva di excusatio non petita, inoltre l'uomo era caduto in contraddizione più volte.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari