sabato 10 dicembre | 21:45
pubblicato il 23/apr/2011 12:47

Omicidio a Palma nell'Agrigentino, individuati i killer

Fermati il fratello e 2 nipoti del sindaco

Omicidio a Palma nell'Agrigentino, individuati i killer

Svolta nelle indagini dell'omicidio di Nicolò Amato, il 64enne titolare di un bar ucciso venerdì pomeriggio a Palma di Montechiaro, in provincia di Agrigento, con numerosi colpi di pistola calibro 9. Nella sparatoria è rimasto ferito ad un braccio anche il figlio della vittima, Diego, 26 anni. Nei confronti di tre persone sono stati emessi provvedimenti di fermo "per pericolo di fuga", si tratta del fratello del sindaco del paese, e dei suoi due figli, uno dei quali ancora ricercato. Secondo le indagini della polizia, sarebbe stata più di una pistola a sparare: la dinamica dell'agguato, infatti, sembra delineare diverse traiettorie dei proiettili che hanno ucciso la vittima, e ferito il figlio. L'ipotesi di reato avanzata dal pubblico ministero è di omicidio e tentato omicidio.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina