venerdì 02 dicembre | 19:57
pubblicato il 03/mar/2011 15:35

Ok a decreto sulle rinnovabili, nuovi parametri per gli incentivi

Per i terreni agricoli, tetto 10% superficie ed entro 1 Mw

Ok a decreto sulle rinnovabili, nuovi parametri per gli incentivi

Via libera del consiglio dei ministri al decreto legislativo di riordino degli incentivi per le energie rinnovabili: sono in arrivo molte novità. Gli incentivi per l'energia fotovoltaica, previsti meno di un anno fa, saranno probabilmente rivisti al ribasso. Ad aprile si conoscerà il nuovo regime, che entrerà comunque in vigore dal prossimo giugno. Nel testo non è più previsto il tetto degli 8.000 Mw agli aiuti, ma soglie a scalare saranno rimodulate nel provvedimento previsto per giugno. Gli incentivi ai terreni agricoli per gli impianti fotovoltaici saranno concessi solo a condizione che l'impianto non superi il 10% della superficie e non vada oltre 1 Mw di potenza. Con il decreto arriva anche l'obbligo dell'uso del 50% di energia 'verde' per i consumi di acqua calda sanitaria, riscaldamento e 'raffrescamento' per le abitazioni italiane entro il 2017.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari