domenica 04 dicembre | 07:15
pubblicato il 05/dic/2011 05:10

Oggi Berlusconi rischia nuovo rinvio a giudizio per Bnl-Unipol

Rivelazione di segreto per pubblicazione telefonata Fassino

Oggi Berlusconi rischia nuovo rinvio a giudizio per Bnl-Unipol

Milano, 5 dic. (askanews) - Silvio Berlusconi rischia oggi un nuovo rinvio a giudizio nell'ambito della vicenda Bnl-Unipol. La procura di Milano infatti ha cambiato linea decidendo di chiedere processo per l'ex premier aderendo così alla prospettiva indicata dal gip Stefania Donadeo che aveva imposto l'imputazione coatta per rivelazione di segreto d'ufficio in relazione alla pubblicazione su Il Giornale della telefonata tra Piero Fassino e Giovanni Consorte in cui l'allora segretario dei Ds diceva al numero uno di Unipol: "Abbiamo una banca?". Fin qui la procura aveva sempre sostenuto l'archiviazione per l'impossibilità di avere elementi sufficienti a sostenere l'accusa in tribunale. Adesso in invece davanti all'iniziativa del gip alla quale è seguita la fissazione per domani mattina dell'udienza preliminare da parte del gup Maria Grazia Domanico, il capo della procura Edmondo Bruti Liberati e il pm Maurizio Romanelli hanno deciso di adeguarsi. Oggi in udienza Romanelli chiederà al gup di rinviare a giudizio l'ex premier che il 24 dicembre del 2005 ricevette nella residenza di Arcore il file con la conversazione intercettata che non era stata ancora trascritta e messa a disposizione delle parti. I difensori di Berlusconi oggi riproporranno l'eccezione di competenza territoriale già proposta e bocciata dal gip. Niccolò Ghedini e Piero Longo sosterranno che il fascicolo va trasmesso all'autorità giudiziaria di Monza nel cui distretto rientra Arcore. Secondo i legali infatti l'episodio al centro della causa è rimasto da solo e non vi sarebbe più alcuna connessione con le responsabilità degli altri 3 imputati sui quali aveva deciso il gip con un processo con il rito abbreviato e due patteggiamenti. Paolo Berlusconi editore de Il Giornale sarà invece processato a gennaio per concorso in rivelazione di segreto d'ufficio, ricettazione e millantato credito. Nelle stessa vicenda è indagato Maurizio Belpietro direttore del quotidiano di via Negri all'epoca dei fatti ma sui fatti a lui contestati sta per scattare la prescrizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari