giovedì 08 dicembre | 22:56
pubblicato il 25/lug/2011 11:52

Nuovo crollo al Ponte di Rialto, dopo colonnina cede un masegno

Transennato uno dei simboli di venezia

Nuovo crollo al Ponte di Rialto, dopo colonnina cede un masegno

Venezia, 25 lug. (askanews) - Ennesimo crollo al Ponte di Rialto. Dopo la colonnina della balaustra della scalinata di fronte al Palazzo dei Camerlenghi, ha ceduto anche uno dei masegni (grande pietra che fa parte del manufatto) in cima al ponte. Forse a causa della pioggia dei giorni scorsi. Uno dei monumenti-simbolo di Venezia è stato immediatamente transennato dai vigili urbani. L'allarme è stato lanciato da alcuni turisti, come riporta il quotidiano 'La Nuova', che hanno notato che una pietra era letteralmente sprofondata aprendo una voragine sul lato del ponte rivolto al Fondato dei Tedeschi. Il masegno, forse per le abbondanti pioggia, potrebbe avere ceduto creando il buco. In soccorso al sesto ponte più famoso di Venezia sono giunti gli artigiani del consorzio dei tagliapietra che con 60 mila euro hanno offerto di rimettere a nuovo il lato del ponte che volge ai Camerlenghi. Ma per rimettere conpletamente a nuovo l'opera servirebbero almeno cinque milioni di euro. Intanto, il Comune è alla ricerca di uno sponsor.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni