martedì 06 dicembre | 01:58
pubblicato il 17/set/2013 16:14

Nucleare: Vaticano, stop produzione armi e scopi militari

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 17 set - E' tempo di ''porre fine alla produzione di armi nucleari'' e ''dirottare il materiale nucleare dagli scopi militari alle attivita' pacifiche''. E' quanto sottolineato dal Segretario per i Rapporti con gli Stati, mons. Dominique Mamberti, alla 57.ma Conferenza generale dell'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (Aiea), alla quale ha portato i saluti di papa Francesco. Il presule ha affermato che ''la sicurezza globale non deve affidarsi alle armi nucleari'' ed ha ribadito che ''abbiamo bisogno di un'adesione universale e incondizionata e dell'attuazione del Trattato di non proliferazione''. Per mons. Mamberti, la comunita' internazionale deve ''dare nuovo vigore al processo di disarmo nucleare, compreso un progresso autentico nello smantellamento delle armi nucleari''.

Ed ha ribadito che disarmo e non proliferazione ''sono fondamentali anche dal punto di vista umanitario''.

dab/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari