mercoledì 18 gennaio | 15:18
pubblicato il 12/mag/2011 15:30

Nucleare/ Un mese in un bunker, "Così si vive dopo un incidente"

Gruppo di ragazzi no nuke sperimenterà l'incubo post atomico

Nucleare/ Un mese in un bunker, "Così si vive dopo un incidente"

Roma, 12 mag. (askanews) - Un mese chiusi in un bunker, perché "così si vive dopo una catastrofe nucleare". Quattro ragazzi si rinchiuderanno in un rifugio sperimentando l'incubo post atomico per convincere le persone a votare "Sì" al referendum del 12 e 13 giugno. La loro protesta, sostenuta da Greenpeace è stata battezzata "I pazzi siete voi" e il gruppo documenterà e condividerà l'esperienza sul web: sul sito dedicato all'iniziativa www.ipazzisietevoi.org/, su Facebook, con video messaggi su Youtube, Twitter, e uno streaming video 24 ore su 24 seguirà la loro esperienza: divisione dei compiti, problemi, paure, discussioni, una sorta di reality che documenterà la loro vita da The day after. Giorgio, Alessandra, Pierpaolo e Luca vivranno così sulla propria pelle l'esperienza di un rifugio anti-radiazioni, ricordando i loro coetanei nel distretto di Fukushima. Seguiranno precise regole di radioprotezione: porte e finestre sigillate, niente insalata, niente latte, formaggio, carne o pesce freschi. Solo internet. Si priveranno per un mese della loro libertà. Vivranno rinchiusi in un rifugio come se fosse esplosa una centrale nucleare. Non usciranno fino al giorno del Referendum: l'obiettivo è infatti convincere le persone a votare Sì il 12 e 13 giugno e l'appello a tutti i visitatori del sito e quello di firmare il proprio impegno contro il nucleare, partecipando alla petizione "Io non sono pazzo. Voto Sì". "Voi che minimizzate il disastro di Fukushima. Voi che pensate al vostro tornaconto personale - dicono i ragazzi nel loro video manifesto - alla faccia dell'interesse della comunità. Siete pazzi pericolosi. [?] Vogliamo parlare ai ragazzi come noi? questa battaglia riguarda tutti. Diffondete i nostri messaggi, organizzatevi, inventatevi una vostra azione. La nostra protesta dovrà crescere ogni giorno di più." Greenpeace li sostiene e ha fornito ai ragazzi tutti gli strumenti per organizzare la loro protesta: "Di fronte a un governo che vuole rubarci il referendum e toglierci la possibilità di scegliere un atto estremo come quello di rinchiudersi in un rifugio è più che mai necessario", ricorda Greenpecace, sottolineando che "i pazzi non sono loro, i pazzi sono quelli che dopo Cernobyl e Fukushima continuano a vedere il futuro nel nucleare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa