lunedì 05 dicembre | 11:58
pubblicato il 21/ago/2011 16:09

Nucleare, presidente Agenzia atomica Uk: è scienza, non politica

Da Erice Barbara Judge: va fatta un'analisi rischio/rendimento

Nucleare, presidente Agenzia atomica Uk: è scienza, non politica

Il nucleare va strappato alla politica e riportato alla scienza. E' l'opinione di Barbara Thomas Judge, presidente emerito dell'Agenzia Atomica britannica, ad Erice, in provincia di Trapani, con altri 40 scienziati per partecipare ai Seminariinternazionali sulle Emergenze Planetarie presso l'istituto "Ettore Majorana"."Io penso che il nucleare venga considerato più una questione politica che scientifica - dice - Quello che dobbiamo fare è portarlo fuori dalla politica; i politici dovrebbero capire che parlare di nucleare significa affrontare le sfide energetiche che ci troviamo di fronte"."Il problema - continua - è quando un partito viene identificato a favore o contro il nucleare. Questo non è quello che vogliamo. E una questione che non deve essere politica ma di scienza". Per il resto, l'esperta afferma che il nucleare non può essere considerato totalmente sicuro, ma alla stregua di molte altre cose."Quando prendi un aeroplano ti assumi i rischi di un incidente Così sul treno, ci sono grossi incidenti ferroviari. E' un'analisi rischio/rendimento e i livelli di sicurezza dell'industria nucleare nell'arco di molto tempo, sono molto, molto buoni".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari