martedì 21 febbraio | 17:44
pubblicato il 13/ott/2011 10:47

Novi Ligure/ Omar sulla tomba delle due vittime

Ha chiesto perdono alla mamma e al fratellino di Erika

Novi Ligure/ Omar sulla tomba delle due vittime

Roma, 13 ott. (askanews) - Omar Favaro è andato sulla tomba della mamma e del fratellino di Erika a chiedere perdono. Lo ha fatto venerdì scorso, a metà mattinata, lontano da occhi indiscreti e senza far sapere nulla a nessuno. Lo rende noto Panorama in un articolo sul sito internet. Dopo nove anni passati in carcere per aver ucciso a coltellate insieme con la fidanzata la mamma e il fratellino di lei, Omar è uscito dal carcere nel marzo 2010. Un anno e mezzo per riadattarsi alla realtà e riprendere possesso della sua vita, e prima di compiere il grande passo. arrivato intorno alle 10 e 30 all'interno del cimitero di Novi Ligure vestito di scuro, cappello in testa e grandi occhiali da sole. Ha fermato due ragazzi al lavoro nei vialetti e si è fatto indicare la cappella dove riposano in pace la signora Susi Cassini e il suo piccolo Gianluca. rimasto dentro una ventina di minuti, poi è sparito nel silenzio più assoluto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia