domenica 04 dicembre | 03:11
pubblicato il 24/ott/2013 12:00

Non paga 180mila euro di Iva causa fallimento per crisi, assolto

Il Gup di Milano: "non costituisce reato"

Non paga 180mila euro di Iva causa fallimento per crisi, assolto

Milano, 24 ott. (askanews) - Non aveva versato 180 mila euro di Iva a causa della crisi della sua azienda informatica e di quella finanziaria del paese, avvertendo doverosamente l'Agenzia delle entrate dell'importo dovuto, come spiegano i suoi legali in un comunicato. Alla fine del processo con rito abbreviato, seguito all'opposizione a un decreto penale di condanna, l'imprenditore informatico a capo di un'azienda poi fallita è stato assolto dal giudice dell'udienza preliminare "perchè il fatto non costituisce reato". Il gup milanese Carlo De Marchi ha accolto la tesi sostenuta dagli avvocati Giulio Martino e Marco Petrone secondo i quali non c'era l'intento di evadere da parte del loro assistito, "altrimenti non avrebbe nemmeno fatto la dichiarazione dei redditi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari