martedì 17 gennaio | 20:39
pubblicato il 20/lug/2013 14:47

No tav: Petronzi (Digos), violenza allo stato puro

(ASCA) - Torino, 20 lug - ''Non e' stata una manifestazione ma un atto di violenza allo stato puro''. Cosi' il capo della Digos torinese Giuseppe Petronzi ha commentato il blitz di questa notte da parte di 350 attivisti No tav al cantiere di Chiomonte. Nel corso di una conferenza stampa condotta assieme al comandante della compagnia dei carabinieri di Susa, Stefano Mazzanti, e' stato precisato che sono 7 gli antagonisti agli arresti e 2 i denunciati dopo i 9 fermi effettuati nella notte al cantiere presidiato da forze di polizia, carabinieri, Guardia di Finanza e esercito. Si tratta in buona parte di persone attive nell'area anarco-insurrezionalista e in maggioranza provenienti da luoghi fuori dalla Val Susa e dal Piemonte.

Questi i nomi degli arrestati: Molina Luke, Matthias Moretti, Gabriele Tomasi, Piero Rossi, Marcello Botte, Edoardo Donato e Alberto De Stefanis. Sono stati invece denunciati: Marta Camposano e un minorenne diciassettenne (M.M.).

''Siamo stati oggetti di una violenza che nel tempo si e' accresciuta - ha osservato Petronzi -. Stiamo assistendo a una radicalizzazione dello scontro. Nel luglio scorso - ha spiegato - questi episodi erano concomitanti con iniziative di carattere popolare. Oggi l'organizzazione si sta perfezionando e attrezzando''.

Nel corso della battaglia sono state tra l'altro lanciate alcune molotov mentre una e' stata sequestrata dalle forze dell'ordine. Petronzi ha anche parlato di una rete di solidarieta' che sta crescendo al di fuori della Val Susa.

Tra le persone identificate ieri nel corso dei posti di blocco attrezzati in Val Susa anche diversi stranieri provenienti da Turchia, Grecia e Francia. ''Si tratta - ha spiegato Petronzi - di mutue solidarieta' che vengono prestate. La campagna di opposizione violenta al Tav - ha aggiunto - ha una buona attrattiva per componenti straniere anche non omologabili dal punto di vista ideologico e politico. Vengono in val Susa - ha detto ancora - per dare forza e respiro a questa campagna''. Quanto alla presenza durante il blitz dei pm Andrea Padalino e Antonio Rinaudo, Petronzi ha spiegato che si e' trattato di una ''presa diretta di come si sono accadute le cose''.

eg/uda

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa