sabato 03 dicembre | 11:09
pubblicato il 09/dic/2013 12:58

No Tav: operazione polizia a Torino e Milano. Quattro arresti

No Tav: operazione polizia a Torino e Milano. Quattro arresti

(ASCA) - Torino, 9 dic - Nella prime ore del mattino, le Digos di Torino e Milano, con il contributo della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, hanno tratto in arresto 4 persone ritenute responsabili di aver perpetrato un attentato al cantiere Tav di Chiomonte, in esecuzione di provvedimento cautelare in carcere emesso della locale Autorita' Giudiziaria. I fatti, in particolare, risalgono alla notte tra il 13 e 14 maggio 2013 quando fu portato un violento attacco nei confronti del cantiere Tav e delle Forze dell'Ordine. Gli assalitori, travisati e abbigliati con indumenti di colore scuro, provenienti dall'area boschiva sovrastante la Val Clarea, e' stata la ricostruzione fatta dalla Polizia, sferrarono attacchi simultanei a quattro cancelli del cantiere lanciando bengala, razzi esplosi lanciati con un rudimentale mortaio, artifici pirotecnici, bombe carta e numerose bottiglie incendiarie. Nel corso dell'attacco, anche con l'uso di alcune bottiglie incendiarie, furono danneggiti gravemente un compressore che alimenta i martelli pneumatici utilizzati all'interno del tunnel. L'intensa attivita' investigativa, afferma la polizia, ha portato a ricostruire le dinamiche dell'assalto, condotto da un gruppo di circa trenta soggetti, militarmente organizzati, riconducibili all'area anarco insurrezionalista.

In questo contesto sono maturati i quattro arresti con l'accusa di attentato con finalita' terroristiche, atto di terrorismo con ordigni esplosivi, detenzione di armi da guerra e danneggiamento.

I soggetti colpiti dalle misure cautelari sono: C.A. di Ivrea, 23 anni; N.B. di Pesaro di 24 anni (gia' detenuto); C.Z. nata a San Benedetto del Tronto di 41 anni e M.Z. nato a Milano di 29 anni.

I quattro militano tutti nelle fila dell'ala radicale anarchica. La polizia ha, infine, eseguito alcune perquisizioni a carico di soggetti militanti nell'area anarchica radicale, allo stato non indagati (3 perquisizioni rispettivamente nei comuni di Castellamonte (TO), Rueglio (TO) e Oglianico (TO), 5 perquisizioni a Torino, 2 a Milano ed una a Teramo).

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari