giovedì 23 febbraio | 02:55
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Netturbino licenziato spara a ex capo che non voleva riassumerlo

E' successo in provincia di Catania

Palermo, 15 dic. (askanews) - Ha gambizzato il suo ex caposquadra che si rifiutava di riassumerlo dopo che la ditta che si occupa della gestione dei rifiuti solidi urbani per la quale lavorava lo aveva licenziato. Un netturbino di San Michele di Ganzaria, in provincia di Catania, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio aggravato e porto abusivo di arma clandestina. Il netturbino era stato licenziato a fine ottobre. Stamane ha incontrato il suo ex caposquadra per parlare del licenziamento pretendendo di essere riassunto. Dopo il rifiuto, l'uomo ha estratto una pistola e sparato alle gambe del suo ex capo che è stato trasportato in ospedale ma non è grave.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech