giovedì 19 gennaio | 05:40
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Netturbino licenziato spara a ex capo che non voleva riassumerlo

E' successo in provincia di Catania

Palermo, 15 dic. (askanews) - Ha gambizzato il suo ex caposquadra che si rifiutava di riassumerlo dopo che la ditta che si occupa della gestione dei rifiuti solidi urbani per la quale lavorava lo aveva licenziato. Un netturbino di San Michele di Ganzaria, in provincia di Catania, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio aggravato e porto abusivo di arma clandestina. Il netturbino era stato licenziato a fine ottobre. Stamane ha incontrato il suo ex caposquadra per parlare del licenziamento pretendendo di essere riassunto. Dopo il rifiuto, l'uomo ha estratto una pistola e sparato alle gambe del suo ex capo che è stato trasportato in ospedale ma non è grave.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina