domenica 04 dicembre | 09:28
pubblicato il 02/mar/2012 18:14

Naufragio Giglio/Domani a Grosseto maxi-udienza, con 500 persone

Incidente probatorio su scatola nera nave Costa Concordia

Naufragio Giglio/Domani a Grosseto maxi-udienza, con 500 persone

Grosseto, 2 mar. (askanews) - Si attendono oltre 500 persone, domani, a Grosseto, in occasione della prima maxi-udienza dell'incidente probatorio sulla 'scatola nera' della nave Costa Concordia, naufragata al largo dell'isola del Giglio lo scorso 13 gennaio. L'appuntamento è per le 9,30 al Teatro Moderno dove si inizierà con l'identificazione delle parti ammesse a partecipare all'udienza. Ma già si prevedono tempi molto lunghi considerato solo il lungo appello delle 4.229 persone a bordo della Costa Concordia, tra passeggeri e membri dell'equipaggio, tutti parti offese, oltre ai periti, consulenti, magistrati e avvocati sia di parte civile che dei 9 indagati nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla Procura di Grosseto. L'udienza non è pubblica e sono previsti, inoltre, rigidi controlli, anche per evitare che siano introdotti, all'interno del teatro, apparecchi elettronici per fotografie e registrazioni audio-video. La richiesta dell'incidente probatorio è stata avanzata dal procuratore capo Francesco Verusio al gip Valeria Montesarchio per acquisire, leggere e analizzare le registrazioni della scatola nera che però saranno ascoltate solo in udienze successive. In particolare, la Procura di Grosseto chiederà al collegio di periti di ricostruire i tempi del disastro del Giglio, di stabilire in quanto tempo il comandante Francesco Schettino si rese conto che la Costa Concordia era fuori controllo; se, e quando, Schettino dette l'allarme generale e, poi, l'ordine di abbandono per i passeggeri e per l'equipaggio. Domani, però, non si ascolterà alcuna registrazione, ma si procederà solo "ad atti processuali di tipo preliminari ed in particolare - ha fatto sapere la Prefettura - al conferimento degli incarichi per le perizie". Quattro i periti già nominati dal gip e altrettanti dalla procura di Grosseto che ha affidato l'incidente probatorio a un collegio formato dall'ammiraglio di divisione Giuseppe Cavo Dragone, comandante dell'Accademia Navale di Livorno, dal contrammiraglio Francesco Carpinteri del Corpo delle Capitanerie di Porto, dal professor Enzo Dalle Mese, professore ordinario alla Facoltà di Ingegneria Informatica presso l'Università di Pisa e dal professor Mario Maestro, professore ordinario alla Facoltà di Ingegneria Navale presso I'Università di Trieste. L'ex comandante Francesco Schettino, a quanto riferito dal suo difensore Bruno Leporatti, però, non sarà presente all'udienza "Mi preoccuperei per la sua sicurezza" ha spiegato il legale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari