domenica 11 dicembre | 15:42
pubblicato il 20/gen/2012 10:27

Naufragio Giglio/ Relitto sta già inquinando l'acqua del mare

Timore per gli "oli biologici altamente cancerogeni"

Naufragio Giglio/ Relitto sta già inquinando l'acqua del mare

Porto S.Stefano (Gr), 20 gen. (askanews) - Vernici, detersivi, oli idrodinamici e fluido dinamici, rifiuti di ogni genere e in grande quantità: non c'è soltanto il combustibile a minacciare l'isola del Giglio e l'Argentario. Varie sono le sostanze inquinanti che probabilmente, già dalla notte del naufragio della Costa Concordia si stanno mescolando con l'acqua del mare. Senza contare che le navi contengono abitualmente "oli biologici altamente cancerogeni, in quantità elevate", secondo quanto spiega Jacopo Giliberto, portavoce del ministro dell'ambiente, da ieri all'isola del Giglio. La presenza dei più pericolosi per la salute, tra questi oli, cioè policlorobifosfati e policlorotrifosfati, non è confermata, all'interno della Costa Concordia. Ma sicuramente vi sono gli oli idrodinamici e fluidodinamica per la scorrevolezza dei portelloni, per le valvole e altre strutture di bordo. L'inquinamento sulle coste dell'isola sembra dunque essere già iniziato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina