giovedì 08 dicembre | 00:09
pubblicato il 12/lug/2012 15:09

Naufragio Giglio/ Radar smentisce Schettino, manovra fu casuale

Già dopo il primo i comandi della Concordia erano in avaria

Naufragio Giglio/ Radar smentisce Schettino, manovra fu casuale

Firenze, 12 lug. (askanews) - La Procura di Grosseto non crede alla versione di Francesco Schettino, che sostiene di aver compiuto una "miracolosa" manovra di avvicinamento al Giglio, la notte del naufragio della Costa Concordia, dopo l'urto contro lo scoglio delle 'Scole'. La nave era "ingovernabile" e nei circa 15 minuti che corrono tra l'urto e l'evacuazione della Concordia, tutti gli strumenti per manovrarla erano ormai in avaria. Cadrebbe così uno dei punti fondamentali dell'autodifesa di Schettino. A dare manforte a questa convinzione dei magistrati, è il tracciato del radar, dal momento in cui il comandante prende il timone e interrompe la navigazione col pilota automatico. Anche l'analisi in corso della scatola nera rafforzerebbe questa posizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni