lunedì 16 gennaio | 13:40
pubblicato il 12/lug/2012 15:09

Naufragio Giglio/ Radar smentisce Schettino, manovra fu casuale

Già dopo il primo i comandi della Concordia erano in avaria

Naufragio Giglio/ Radar smentisce Schettino, manovra fu casuale

Firenze, 12 lug. (askanews) - La Procura di Grosseto non crede alla versione di Francesco Schettino, che sostiene di aver compiuto una "miracolosa" manovra di avvicinamento al Giglio, la notte del naufragio della Costa Concordia, dopo l'urto contro lo scoglio delle 'Scole'. La nave era "ingovernabile" e nei circa 15 minuti che corrono tra l'urto e l'evacuazione della Concordia, tutti gli strumenti per manovrarla erano ormai in avaria. Cadrebbe così uno dei punti fondamentali dell'autodifesa di Schettino. A dare manforte a questa convinzione dei magistrati, è il tracciato del radar, dal momento in cui il comandante prende il timone e interrompe la navigazione col pilota automatico. Anche l'analisi in corso della scatola nera rafforzerebbe questa posizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche