sabato 21 gennaio | 16:34
pubblicato il 22/mag/2013 12:00

Naufragio Giglio/ Procuratore: confermato l'impianto accusatorio

"Molte partici civili volevano l'accusa di omicidio volontario"

Naufragio Giglio/ Procuratore: confermato l'impianto accusatorio

Firenze, 22 mag. (askanews) - "Dopo l'udienza preliminare, è rimasto confermato completamente l'impianto accusatorio dell'ufficio. In particolare, la qualificazione giuridica del fatto che molte parti civili avrebbero voluto come omicidio volontario ed invece è stata ritenuta corretta la nostra impostazione." Così il procuratore capo di Grosseto, Francesco Verusio, commenta la decisione del gup, che ha rinviato a giudizio per omicidio plurimo colposo l'ex comandante Francesco Schettino nel procedimento per il naufragio della Costa Concordia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4