giovedì 08 dicembre | 23:20
pubblicato il 16/ott/2012 07:09

Naufragio Giglio/ Periti gip: ecoscandaglio era disattivato

Avvocato del Comune del Giglio: "tra le 19.45 e le 21.48"

Naufragio Giglio/ Periti gip: ecoscandaglio era disattivato

Grosseto , 16 ott. (askanews) - Nelle due ore precedenti alla collisione con gli scogli dell'isola del Giglio, sulla nave Costa Concordia era disattivato il sistema di "ecoscandaglio", il sistema che permette di conoscere in tempo reale la profondità e le condizioni del fondale marino su cui si muovono le imbarcazioni. E' quanto ha puntualizzato l'avvocato Alessandro Lecci, che difende il Comune del Giglio, nel corso della puntata di ieri sera di 'Porta a Porta', su Rai Uno. "I periti del tribunale hanno accertato che dalle 19.45 fino alle 21.48 l'ecoscandaglio della nave era spento", ha detto l'avvocato, citando un passaggio dell'udienza di ieri al Teatro Moderno di Grosseto per l'incidente probatorio sul naufragio avvenuto il 13 gennaio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni