domenica 04 dicembre | 11:19
pubblicato il 23/gen/2012 20:25

Naufragio Giglio/ Nave stabile,svuotamento non ostacola ricerche

Muta scenario dopo analisi comitato scientifico Protezione civile

Naufragio Giglio/ Nave stabile,svuotamento non ostacola ricerche

Porto S.Stefano (Gr), 23 gen. (askanews) - Muta di colpo lo scenario dell'emergenza Costa Concordia: la nave non si sta allontanando dal basso fondale a ridosso del porto dell'isola del Giglio, dove è naufragata il 13 gennaio, ma, al contrario, si sta addirittura "schiacciando", "adagiando, "riposando" in quel punto, alto venti metri. Tutto, dall'analisi del comitato scientifico insediato sull'isola, e coordinato dal Capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, sembra ora congiurare a favore del recupero sia delle nave, sia delle 2400 tonnellate di carburante in essa contenute. "Il pericolo che la nave collassi strutturalmente è remoto", ha spiegato oggi Massimo Avancini, dirigente del Ministero dell'Ambiente. Persino le "deformazioni plastiche" generate dal semi-affondamento stanno aiutando la nave a non muoversi da lì. E le tanto temute mareggiate non sono più uno spauracchio: "il moto ondoso", ha detto ancora Avancini, "accresce il coefficiente di sicurezza". L'allarme potrebbe scattare solo per onde alte più di due metri e mezzo, ma "storicamente è un evento altamente improbabile", davanti al porto del Giglio. E allora domani la Meloria, il pontone che porterà i macchinari per cominciare a mettere mano alle cisterne della Concordia, potrà avvicinarsi senza preoccupazioni né per la stabilità della nave, né per il prosieguo delle ricerche. "Siamo pronti a dare il via all'aspirazione del carburante", ha ripetuto oggi Gabrielli. Ma tra il "pronti" e il "cominciare davvero" ci sono ancora passi da compiere, è difficile che domani si inizi a pompare via carburante. I sub a disposizione della Smit and Salvage, ad esempio, devono andare in avanscoperta. Il piano di bunkeraggio, cioè di intervento nel caso in cui qualcosa dovesse andare storto, è stato ultimato, con la sua cintura di panne assorbenti e la nave anti-inquinamento Orione in grado di dividere l'acqua dagli idrocarburi. Il comitato, ha poi sottolineato Gabrielli, ritiene che "le ricerche all'interno della Concordia e il bunkeraggio per poter svuotarne i serbatoi" siano " attività assolutamente e parallelamente compatibili". Nessuno stop dunque alle ricerche, né per quanto serve alla Procura di Grosseto nell'ambito delle indagini, né per i corpi che la nave deve ancora restituire. Oggi è stata la volta di altre due donne, tra cui ci sarebbe "probabilmente" la sposina di Biella, la povera Maria D'Introno, 30 anni, che non era in grado di nuotare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari