giovedì 08 dicembre | 11:10
pubblicato il 05/mar/2013 12:00

Naufragio Giglio/ Le 32 vittime erano in fuga da lato sinistro

Per quasi tutte loro, fatale l'ultima inclinazione della nave

Naufragio Giglio/ Le 32 vittime erano in fuga da lato sinistro

Firenze, 5 mar. (askanews) - Le trentadue vittime della Costa Concordia persero la vita nel naufragio avvenuto davanti all'isola del Giglio perché non avevano trovato posto sulle scialuppe al ponte quattro, sul lato sinistro della nave. E quasi tutte loro, sono rimaste travolte dalla "voragine prodottasi a seguito del definitivo ribaltamento sul fianco destro della nave stessa, precipitando in una zona allegata del medesimo ponte 4". E' quanto ricostruisce la Procura di Grosseto, nelle richieste di rinvio a giudizio per le sei persone accusate, a vario titolo, per quanto accadde la notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012. Per quasi ognuna di quelle 32 vite umane, la fine fu la stessa: prima il tentativo di salire su una delle scialuppe al ponte quattro, sul lato sinistro, poi la fuga sul lato destro, perché dall'altra parte, a causa dell'inclinazione della nave, non era più possibile calarle in mare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni