sabato 03 dicembre | 23:09
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Naufragio Giglio/ Fine indagini: Costa Crociere è parte lesa

Lo ha deciso il gip di Grosseto. Restano le accuse a Ferrarini

Firenze, 22 dic. (askanews) - Costa Crociere è ufficialmente "parte lesa" nel procedimento giudiziario per il naufragio della Concordia, avvenuto il 13 gennaio davanti all'isola del Giglio. La compagnia si era definita così sin dal giorno dopo la tragedia costata la vita a 32 persone e, al termine delle indagini della Procura di Grosseto, il gip, Valeria Montesarchio ha riconosciuto a Costa Crociere di essere appunto "parte lesa". Tramite i suoi legali e anche l'allora ad Pier Luigi Foschi, Costa aveva ribadito che la manovra dell'inchino, col passaggio molto ravvicinato al Giglio, non era mai stata autorizzata dalla compagnia, che non ne era nemmeno a conoscenza. Resta indagato però, tra gli altri il capo dell'unità di crisi di Costa, Roberto Ferrarini, le cui eventuali responsabilità, secondo i magistrati, sono divise da quelle della compagnia. Ferrarini sarebbe in qualche modo complice di Schettino, per la gestione di quanto accaduto subito dopo l'urto con gli scogli. E non avrebbe comunicato in tempo, o non dicendo tutta la verità, ai vertici di di Costa Crociere.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari