martedì 17 gennaio | 18:23
pubblicato il 14/gen/2012 15:38

Naufragio Giglio/ Comandante: roccia non era in carte nautiche

Non era segnalata, ho scelto di avvicinarmi per favorire soccorsi

Naufragio Giglio/ Comandante: roccia non era in carte nautiche

Roma, 14 gen. (askanews) - "Al momento dell'emergenza ho dovuto fare una scelta per poter favorire i soccorsi. Cos'è successo? E' successo che mentre navigavamo ad andatura turistica abbiamo impattato uno sperone di roccia che non era segnalato". Lo ha detto in esclusiva a Tgcom24 il comandante della nave Costa Concordia, Francesco Schettino, naufragata nella notte all'Isola del Giglio. Secondo quanto dichiarato da Schettino, che è stato a lungo interrogato a Isola nella sede della Capitaneria di Porto dove si tenta di fare luce sulle cause della tragedia, per la carta nautica "doveva esserci acqua a sufficienza sotto di noi. Siamo stati gli ultimi ad abbandonare la nave", ha poi concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Liguria
Boschi in fiamme sulle alture di Genova, sfollati e strade chiuse
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa