domenica 04 dicembre | 23:54
pubblicato il 14/gen/2012 15:38

Naufragio Giglio/ Comandante: roccia non era in carte nautiche

Non era segnalata, ho scelto di avvicinarmi per favorire soccorsi

Naufragio Giglio/ Comandante: roccia non era in carte nautiche

Roma, 14 gen. (askanews) - "Al momento dell'emergenza ho dovuto fare una scelta per poter favorire i soccorsi. Cos'è successo? E' successo che mentre navigavamo ad andatura turistica abbiamo impattato uno sperone di roccia che non era segnalato". Lo ha detto in esclusiva a Tgcom24 il comandante della nave Costa Concordia, Francesco Schettino, naufragata nella notte all'Isola del Giglio. Secondo quanto dichiarato da Schettino, che è stato a lungo interrogato a Isola nella sede della Capitaneria di Porto dove si tenta di fare luce sulle cause della tragedia, per la carta nautica "doveva esserci acqua a sufficienza sotto di noi. Siamo stati gli ultimi ad abbandonare la nave", ha poi concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari