sabato 03 dicembre | 05:37
pubblicato il 26/gen/2012 12:37

Naufragio Giglio/ Al lavoro sui serbatoi, da sabato svuotamento

Gabrielli: "Anche le condizioni meteo-marine sono favorevoli"

Naufragio Giglio/ Al lavoro sui serbatoi, da sabato svuotamento

Isola d. Giglio (Gr), 26 gen. (askanews) - Sono cominciate le operazioni di "flangiatura" sui serbatoi della Costa Concordia, naufragata il 13 gennaio davanti al porto del Giglio. Lo fa sapere Franco Gabrielli, commissario delegato del Governo sull'isola. L'applicazione delle flange permette di fatto la foratura delle cisterne contenenti il carburante e la realizzazione di un sistema valvolare che consente di asportarlo senza che il liquido venga a contatto con l'acqua del mare. "Si confermano al momento le previsioni", commenta Gabrielli. Il pompaggio vero e proprio del carburante dovrebbe quindi cominciare sabato, come ribadito anche oggi dalla Smit. Anche "le condizioni meteo-marine sono particolarmente favorevoli, mentre già da domenica tenderanno peggiorare. Ma per fortuna non sempre le previsioni negative si sono realizzate", ha precisato Gabrielli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari