venerdì 02 dicembre | 20:50
pubblicato il 18/giu/2012 12:53

Natura testarda, sull'Etna tornano i fiori dopo ogni eruzione

Nel monte salto del Cane cresce "il maggiociondolo"

Natura testarda, sull'Etna tornano i fiori dopo ogni eruzione

Catania, (askanews) - La natura è testarda, ancora di più quando le condizioni si fanno estreme. E' il caso dell'Etna, dove i fiori non si arrendono ad eruzioni e brandelli di lava, ma tornano dopo ogni esplosione di lapilli. Qui in particolare nel monte Salto del Cane risalta per bellezza il maggiociondolo un fiore giallo dall'arbusto velenoso che ha trovato qui il suo habitat naturale, a quasi 1500 metri d'altezza. Il professore Luigi Lino del Fondo siciliano per la natura parla di una flora esplosiva, in grado di rigenerarsi dopo le eruzioni:"Una volta finita l'eruzione ritorna la vita Come nasce la vita sull'Etna, prima nascono le piante più umili, quelle paritarie, comincia il degrado, poi le piante pioniere, poi quelle arbustifere e poi cominciano le piante arboree, quindi c'è una successione".Ritmi scanditi sempre uguali da secoli che solo la mano dell'uomo può rovinare.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari