domenica 26 febbraio | 16:33
pubblicato il 25/dic/2011 15:41

Natale, vince tradizione: a tavola spesi 2,3 miliardi di euro

La stima di Coldiretti, quest'anno più prodotti italiani

Natale, vince tradizione: a tavola spesi 2,3 miliardi di euro

Milano (askanews) - A Natale vince la tradizione, quest'anno ancora più del solito con 9 italiani su 10 che passano le feste a casa e in famiglia. Statistiche e rapporti indicano la crisi come prima indiziata di questo forte ritorno alle radici, soprattutto a tavola. In cibi e bevande fra Natale e Capodanno si spenderenno 2 miliardi e 300 milioni di euro secondo la stima di Coldiretti, una cifra che verrà usata per comprare soprattutto prodotti italiani. In particolare 850 milioni di euro verranno spesi per comprare pesce e carne, 490 per spumante, vino e altre bevande, 400 milioni per i dolci. Insomma, ai pranzi e alle cene natalizie ci sarà da aspettarsi meno caviale e più piatti legati alla tradizione delle singole Regioni italiane, fiere, soprattutto nelle occasioni di festa, di imbandire le tavole con le proprie specialità culinarie.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech